Gli ex-studenti...

Versaci Daniele
Con assoluta onestà, mi sento di consigliare la SESEF
Pizzo Marco
Grazie Sesef
Senneca Luca
Sono felice di aver fatto la vostra conoscenza, senza la quale, tutto questo non sarebbe stato possibile
Cutolo Alessandra
sono diventata un coordinatore con contratto a tempo indeterminato
Amoruso Francesco
lo stage è andato fantasticamente bene ripartirò per la stagione invernale sotto contratto
Senneca Luca
Vi ringrazio...Rifarei tutto con entusiasmo.
la SESEF è accreditata:
formatemp
la SESEF è certificata:
sincert

Turismo mobile

Pubblicata il: 02/05/2012
immagine come sfruttare l’impennata del mobile per guadagnare nuovi clienti


fonte: bookingblog.com

A differenza dei social media, che all’interno del marketing mix favoriscono il customer engegement, il mobile è un vero e proprio canale distributivo dal ritorno economico sempre più in crescita, il cui sviluppo va tenuto attentamente sott’occhio. Le previsioni dicono che l’utilizzo di Internet raddoppierà nei prossimi anni e la maggior parte della fruizione sarà su mobile.

Gli studi evidenziano tutti un trend positivo, ecco perché vale la pena ricordare come e perché sfruttare il mobile per il vostro hotel.

Il panorama italiano del Mobile Marketing

In un recente articolo viene delineato uno scenario italiano in forte accelerazione a livello di innovazioni tecnologiche e di business del settore mobile, dovuto alla penetrazione degli smartphone, all’evoluzione delle app, alla diffusione della banda larga mobile e alla ricchezza dell’offerta.

Di conseguenza si sono delineate nuove opportunità per le aziende, che si sono convertite all’utilizzo di strategie che sfruttano peculiarità del mezzo quali “geolocalizzazione, contestualità, tempestività, socialità.”

Anche l’Italia sembra allinearsi alla tendenza internazionale: a fine 2011 la penetrazione degli smartphone era di 20 milioni di unità, la diffusione di banda larga mobile è arrivata a toccare il 42,5% della popolazione, e il mercato della pubblicità sui dispositivi mobili è cresciuto del 50% dal 2010, pari al 5% del totale del mercato della pubblicità su internet.

Come vedete dalla tabella di seguito, il Turismo risulta il 5° settore di investimento nell’ambito della Pubblicità su Mobile… segno che i grandi brand del settore (pensiamo solo ai tour operator), hanno già captato le sue potenzialità:

 

Anche eMarketer, in uno studio diffuso qualche giorno fa, afferma che il mobile ha incentivato le vendite connesse al travel: la spesa totale nell’online travel raggiungerà i 120 miliardi di dollari in USA, con una crescita dell’11% per l’intera industria. Secondo eMarketer 16 milioni di Americani prenoteranno servizi travel via mobile quest’anno, rispetto ai 12 milioni del 2011.

Nel 2016, ci si aspetta che il numero di utenti che prenoteranno viaggi su mobile raggiungeranno i 36,7 milioni, mentre coloro che faranno ricerche relative a viaggi pur senza necessariamente acquistare, potrebbero raggiungere i 74,3 milioni.

Chi è il Mobile Surfer?

La crescita del mobile è iniziata nel 2007 con la diffusione di dispositivi come gli i-Phone e delle app, fino ad arrivare allo sviluppo dei sistemi di navigazione in movimento (aerei, treni e auto). Se inizialmente ad utilizzare gli smartphone erano soprattutto giovanissimi, sempre secondo Il Sole 24 Ore in Italia sono aumentate le donne e gli over 45enni. Il 50% lo usa tutti i giorni, in media per 45 minuti al giorno.

E’ stato recentemente scritto su Business Insider che a possedere uno smartphone sono per lo più giovani dal reddito alto, sebbene stiamo assistendo soprattutto nel nostro Paese, a una diffusione sempre maggiore di smartphone o tablet grazie a contratti telefonici più o meno accessibili a tutti.

Nella grande maggioranza dei casi, sul Web i mobile surfer fanno ciò che usano fare su desktop, come leggere news, ascoltare musica, comunicare via social network, anche se è fortemente aumentato anche l’utilizzo di App disponibili solo su mobile, soprattutto legate alla condivisione di immagini e al gaming, come Instagram, che permette di combinare foto, mobile e social, e Draw Something, gioco che ricorda vagamente il gioco di società Pictionary.

Perché vale la pena possedere un sito mobile ottimizzato per l’hotel

Di come strutturare un sito mobile abbiamo già trattato in precedenza: velocità, usabilità e semplicità sono alcuni dei capisaldi intorno a cui ruota la comunicazione mobile e che dobbiamo rispettare anche nella realizzazione del sito dell’hotel (vedi Travel goes Mobile: come creare un sito mobile per il vostro hotel e 3 consigli per ottimizzare il sito dell’hotel anche per il mobile).

Ultimamente un nuovo report realizzato da HeBS mette in evidenza alcune buone pratiche per l’albergatore che voglia avventurarsi nel mobile:

Investire in un sito mobile piuttosto che in un’app: secondo un sondaggio, rispetto all’anno passato più albergatori pianificano di realizzare un sito mobile (37,5% vs 25,9%) dotato di mobile booking engine (37% vs 22,4%). Solo l’8,9% vs il 24,1% pianifica la realizzazione di un’app specifica.
Creare un sito che si adatti ai piccoli schermi degli Smartphone: fare in modo di “strizzare” il proprio sito in versione mobile danneggerà conversioni e visite. Oltre al design anche i contenuti devono essere adattati al device, concentrandosi in minor numero di pagine e risultando più geo-localizzati.
Investire nel Mobile SEM: lanciare campagne a pagamento su Google AdWords, ma anche su Bing o Yahoo, con link a particolari landing page pensate per il mobile con le ultime promozioni, offerte e pacchetti, può avere un alto ritorno. Non dobbiamo dimenticare le campagne click-to-call, che permettono a chi preferisce di prenotare via telefono.
Aumentare la presenza sulle directory locali, perché i consumatori effettuano 3 miliardi di ricerche locali ogni mese, e come abbiamo visto stanno crescendo anche coloro che cercano un hotel una volta arrivati in loco piuttosto che prima di partire.
Allineare comunicazione ufficiale e non ufficiale: la linea tra mobile e social si sta confondendo. È importante fare in modo che le comunicazioni sociali sul sito dell’hotel e sui canali di distribuzione mobile siano corrispondenti con quello che si dice sui social e con i feedback delle recensioni.
Pianificare campagne di Mobile Marketing: nel 2012, gli albergatori dovrebbero spendere il 9-10% del loro budget per fare marketing su mobile, come investire sull’ottimizzazione del sito, SEO specifico, link building mobile, mobile SEM, banner advertising pensato per il mobile, ecc.
I nostri clienti stanno già beneficiando degli ottimi risultati derivanti dal sito Mobile: come abbiamo spiegato nel pezzo Hotel Mobile – 4 Case History di Successo, alcuni hotel hanno ottenuto da mobile fino quasi al 5% delle revenue online totali, un dato decisamente non da poco e che sicuramente tenderà a crescere.

uniba

la SESEF è convenzionata con:
uniba


S.E.SE.F. srl tel. 0802070027 - fax 0802070030 - P.iva 06154820721 - Capitale Sociale € 10.000,00 i.v. - copyright © ® sesef srl 2014 - privacy